Quali sono gli ostacoli alla chiara visione?

Chiunque pratichi la consapevolezza sa che ci sono forze nella mente che possono rendere difficile essere consapevoli. Piuttosto che reagire a queste difficoltà in quanto in qualche modo "cattive" o "distrazioni", è importante investigarle. È più facile liberarci da cose che conosciamo a fondo. Antiche storie buddiste raccontano di Mara, la personificazione buddista della tentazione e della distrazione, che si avvicina al Buddha. Ogni volta, il Buddha dice semplicemente "Mara, ti vedo" e Mara fugge. Poiché il Buddha conosceva perfettamente Mara, il suo atto di vedere chiaramente era efficace nel portare libertà.

 

Tra le molte forze di distrazione, cinque sono tradizionalmente identificate come particolarmente importanti per i meditatori con cui avere familiarità. Conosciuti come i cinque ostacoli, sono forze nella mente che possono ostacolare la nostra capacità di vedere chiaramente o di concentrarsi. Gli ostacoli sono: 1) desiderio sensuale, 2) cattiva volontà, 3) pigrizia e torpore, 4) ansia e preoccupazione, e 5) dubbio.

 

L'elenco è composto da sette fattori, ma quattro sono sempre associati. Una spiegazione per gli articoli accoppiati è che rappresentano fattori fisici e mentali strettamente correlati ma distinguibili. Un'altra spiegazione è che questo rende più facile mostrare una relazione uno-a-uno tra i cinque ostacoli e un'altra lista tradizionale, le cinque qualità mentali necessarie affinché la mente si concentri. Ognuna di queste qualità si dice che sia un antidoto a uno degli ostacoli: l'unificazione supera il desiderio, la gioia vince la malevolenza, la curiosita' vince  sulla pigrizia e sul torpore, la felicità vince l'ansia e la preoccupazione e il sostegno dell'attenzione supera il dubbio.

 

Gli impedimenti possono essere come "buchi neri" nella mente. Un buco nero è una stella collassata in cui la forza gravitazionale è così potente che anche la luce viene risucchiata e intrappolata. Quando gli ostacoli sono forti, la luce della consapevolezza viene trascinata nel loro campo gravitazionale e perdiamo la nostra capacità di vedere cosa sta succedendo. Potremmo perderci nei pensieri o nella fantasia alimentati da un ostacolo.

 

Quando non sono così forti da comportarsi come i buchi neri, gli impedimenti possono ancora offuscare la nostra capacità di vedere chiaramente, in particolare per sapere cosa è dannoso e cosa è utile fare, dire o pensare.

 

Un'antica metafora di come gli impedimenti oscurano la chiarezza della mente è quella di uno stagno. Quando lo stagno è pulito e la superficie è ferma, l'acqua riflette la nostra immagine. L'effetto del desiderio sensuale è come guardare in uno stagno che è stato tinto. Siamo predisposti a vedere in modo non realistico - cioè, "vedere con occhiali colorati di rosa". Quando il calore della malevolenza è presente, è come se l'acqua dello stagno stia bollendo; nessuna riflessione è possibile. Pigrizia e torpore sono come spesse alghe che crescono attraverso lo stagno; di nuovo, nessuna riflessione è possibile se non per il difficile lavoro di tirare fuori le alghe. L'ansia è come il vento che agita la superficie del laghetto. E il dubbio è come l'acqua piena di fango. Poiché tendiamo a non vedere chiaramente quando sono presenti gli impedimenti, gli insegnamenti buddisti incoraggiano fortemente le persone a non prendere decisioni mentre sono sotto la loro influenza. Se possibile, aspetta di prendere una decisione quando la mente è più stabile o chiara.

 

Gli ostacoli funzionano in tutti; la loro presenza non è un fallimento personale. Piuttosto, è utile vedere la loro presenza come un'importante opportunità per investigarli. A volte è saggio non tentare di sbarazzarsi rapidamente di un ostacolo ma di usarlo come un'opportunità per imparare qualcosa. Più forte è l'ostacolo, più è importante investigarlo.

 

Il Buddha ha insegnato cinque aree che sono utili da esplorare quando si indaga su un impedimento: l'ostacolo stesso, la sua assenza, come è sorto, come viene rimosso e come impedirne il sorgere di nuovo.

 

Esplorare l'ostacolo in sé e per sé implica riconoscere i componenti di un impedimento, ad es. i suoi aspetti fisici, energetici, emotivi, cognitivi e motivazionali. Ad esempio, il desiderio forte può essere vissuto fisicamente con il corpo che si prostra in avanti, una chiusura del plesso solare o un senso di leggerezza. Energeticamente potrebbe essere un affrettarsi o un sollevamento. Emotivamente può comportare emozioni piacevoli come delizia, eccitazione, entusiasmo o uno sforzo per correggere emozioni spiacevoli come il vuoto, la solitudine o la paura. Cognitivamente può coinvolgere credenze e storie che diciamo a noi stessi. E, motivazionalmente, può venire un forte impulso ad agire o ad aggrapparsi.

 

E ' da notare che l'assenza di un ostacolo è anche importante. Il contrasto tra quando è assente e quando è presente può aiutarci a percepire più chiaramente i diversi aspetti dell'impedimento. Notare la sua assenza può anche aiutare a rafforzare uno stato di assenza di impedimenti.

 

Apprezzare il passaggio di un ostacolo può essere una fonte di gioia che può alimentare la vita spirituale. Credo che il Buddha stesse indicando questa gioia quando ha offerto le seguenti similitudini: essere liberi dal desiderio sensuale è come essere liberati dal debito; essere liberato dalla morsa della cattiva volontà è come riprendersi da una malattia; essere liberi da pigrizia e torpore è come essere liberati dalla prigione; la libertà dall'ansia e dalle preoccupazioni è come la libertà dalla schiavitù; e superare il dubbio è come completare una pericolosa traversata nel deserto.

 

Notando come nascono gli ostacoli, come vengono rimossi e come possono essere evitati nascere è come sapere come ti sei messo nei guai, come uscire dai guai e come evitare di metterti nei guai in futuro. Richiede attenzione e discernimento per superare l'effetto ostacolante degli impedimenti. Con abbastanza esperienza con loro impariamo a non essere ingannati a rinunciare alla nostra presenza della mente, non importa quale ostacolo possa apparire.

 

Essere presenti senza essere dirottati dagli ostacoli è una gioia. L'attenzione senza ostacoli è un tesoro. È ciò che permette alla consapevolezza di iniziare a compiere il suo più penetrante lavoro di liberazione.